Carbossiterapia per cellulite​

La cellulite indica una condizione alterata del tessuto sottocutaneo che è ricco di cellule adipose. Si trova sotto la pelle ed è caratterizzata da ipertrofia delle cellule adipose, dove, negli spazi intracellulari si accumulano liquidi (residui dei processi biochimici dell’organismo) in eccesso. L’equilibrio del sistema venoso e linfatico è modificato con un rallentamento del flusso sanguigno e una ritenzione di liquidi da parte dei tessuti. La cellulite è un problema che colpisce senza distinzioni donne giovani oppure signore mature. Si presenta come un indurimento della pelle, che di conseguenza crea quell’antiestetico effetto a buccia di arancia tanto odiato. Uno dei rimedi più utilizzati è la carbossiterapia che si dimostra una terapia efficace per combattere il gonfiore delle gambe, la cellulite e non solo. Si tratta di una metodica che utilizza l’anidride carbonica (CO2) a scopo terapeutico. Il trattamento consiste in microiniezioni di CO2 mediante ago sottile, da ripetere una volta alla settimana per circa 10 volte. In una seduta di mezz’ora si possono trattare aree come arti, viso, collo e decolté ecc. Già dopo 5 sedute si possono apprezzare i primi risultati in termini di miglioramento della compattezza cutanea e della riduzione dell’edema degli arti.​